BUON COMPLEANNO, PIER!

Oggi il ‘piccolo’ album ‘RICOMINCIO DA QUI’  ha deciso di venire finalmente al mondo.
In attesa di conoscere l’uscita, ho guardato l’orologio.
Stavo per bere un goccio per festeggiare, poi ho guardato la data:
14 settembre 2012.
Beh!, piccolo, non potevi scegliere giorno migliore!, perché oggi è il compleanno di Pier Vittorio Tondelli! Un motivo in più per festeggiare!
Non so se sia un caso, ma è da ‘Altri Libertini’ che ho preso spunto per una mia canzone (‘Amori Clandestini’); e sempre a lui devo una poesia (“Camere Separate a Paris”).
Stavo riascoltando il lavoro, poi ho deciso di scrivere.
Ed eccomi qui, seduto, a raccontarvi questa faccenda.
Avrei potuto dire che, una sera di dicembre, dopo essere uscito dalla biblioteca, ho incontrato un tizio che teneva sotto braccio un libro di Tondelli, e da quel momento le cose sono cambiate, almeno per me!, ma la faccenda qui è un’altra…quando ho cominciato a leggere i suoi libri, mi sono trovato di fronte a parole piene di respiri, di vita!, c’erano le viscere su quelle pagine, era come trovarsi dentro una sala operatoria, e ho pensato:
“Cazzo!, le biblioteche del mondo non si annoieranno di certo con tipi come lui!”.
Questo succedeva diversi anni fa, ma da allora i libri di Tondelli non mi hanno più abbandonato. Forse perché,
certi incontri ti cambiano la vita,
e alcuni sono fatti di parole,
chiedono soltanto di essere sussurrati,
poi, all’improvviso, apri gli occhi
e ti accorgi di avere un tatuaggio sul cuore.
Il resto non ve lo racconto,
almeno per ora,
perché in fondo,
come dicevi tu,
“Viaggiare è un modo di ricordarsi di un tempo della propria vita…”.
Buon Compleanno, Pier!

Antonio Pignatiello

 

Per voi il biglietto numero otto, “Ottava ora della notte”:

Vedere il lato bello,
accontentarsi del momento migliore,
fidarsi di quest’abbraccio e non chiedere altro
perché la sua vita è solo sua e
per quanto tu voglia,
per quanto ti faccia impazzire
non gliela cambierai in tuo favore.
Fidarsi del suo abbraccio,
della sua pelle contro la tua,
questo ti deve essere sufficiente,
lo vedrai andare via tante altre volte
e poi una volta sarà l’ultima,
ma tu dici,
stasera,
adesso,
non è già l’ultima volta?
Vedere il lato bello,
accontentarsi del momento migliore,
fidarsi di quando ti cerca in mezzo alla folla,
fidarsi del suo addio,
avere più fiducia nel tuo amore
che non gli cambierà la vita,
ma che non dannerà la tua
perché se tu lo ami,
e se soffri
e se vai fuori di testa
questi sono problemi solo tuoi;
fidarsi dei suoi baci,
della sua pelle quando sta con la tua pelle,
l’amore è niente di più,
sei tu
che confondi l’amore
con la vita.

Pier Vittorio Tondelli

(Correggio, 14 settembre 1955 – Reggio nell’Emilia, 16 dicembre 1991)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...